Spoleto: Un Palcoscenico Per Mille Mondi

Spoleto: un palcoscenico per mille mondi

26 giugno – Si inaugura giovedì 28 giugno la 44esima edizione del Festival di Spoleto, uno degli eventi culturali e artistici più importanti ed articolati del panorama mondiale, appuntamento fisso per i grandi nomi della danza, della poesia, della lirica, delle arti figurative, del cinema e del teatro scelti in prima persona dal fondatore, il maestro Giancarlo Menotti. Tradizionalmente, però, Spoleto (vuoi andarci anche tu?) rappresenta anche una grande palestra per giovani artisti talentuosi, pronti, dopo questa esperienza, a conquistare le platee internazionali più raffinate.

L’edizione di quest’anno, che si preannuncia particolarmente ricca, avrà come evento clou la messa in scena di La Santa di Bleecker Street, opera prediletta del maestro Menotti, che proprio questo luglio compirà novant’anni. Il programma musicale del festival prevede ben tre concerti sinfonici, due corali, una rappresentazione liturgica del XII secolo – Daniele e i Leoni – numerose rassegne concertistiche e, a conclusione del festival il 15 luglio, il tradizionale Concerto in Piazza, quest’anno con la partecipazione del coro Choral Arts Society di Washington.

Il mondo della danza è rappresentato dai magnifici Solists and Principals of the Royal Danish Ballet, dalla Paul Taylor Dance Company, dagli indiani Samudra e dall’atteso ritorno della Maratona Internazionale di Danza.

Per quanto riguarda il teatro, gli spettatori del festival possono assistere alle dispute dialettiche tenute da veri avvocati e giudici che, nel tribunale di Spoleto, tentano di convincere il pubblico – in veste di giuria per l’occasione – ad appoggiare la loro causa utilizzando i più scaltri artifici della nobile ‘ars retorica’.

Nella sezione ‘Spoleto cinema’ viene presentata la versione restaurata dell’opera cinematografica di Carmelo Bene, mentre ‘Spoleto poesia’ raggruppa le voci più note della poesia italiana e anglosassone.

Tra gli eventi mondani del festival, si segnala un concerto di gala ovviamente omaggio a Menotti che, per chi non lo sapesse, è il compositore contemporaneo più rappresentato del mondo, al quale parteciperanno star della lirica del calibro di Renée Fleming, Placido Domingo e Luciano Pavarotti.

Festival di Spoleto 2001